C’era una volta il nerd

Creatura mitologica, a metà tra il divoratore di patatine e il professore di chimica, metà umano metà D20, comunica per acronimi e tende ad accoppiarsi con membri della stessa specie, tuttavia i maschi sono molto più numerosi delle femmine, il che genera un elevato numero di maschi privi di una compagna. Il Nerd non si riproduce, nel senso che dal nerd maschio e dal nerd femmina non è certo nasca un cucciolo di Nerd, per preservare la specie dunque, gruppi di nerd sono soliti trasformare individui dell’homo sapiens sapiens in homo roli ludio, nome scientifico di una razza di nerd, o in altre tipologie di nerd.

Sigla.

Smetto i panni della persona capace di scrivere qualcosa di vagamente interessante e arrivo al nocciolo di questo post.

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in diversi post (no, non ne ho salvato il link) in cui si prendevano in giro gli autodefinitesi nerd, quando non si arrivava al vero e proprio insulto. Si andava da post filosofeggianti su “che cos’è un nerd?”, ad analisi sociologiche, a idiozie vere e proprie su “se non [inserire attività tipica dei nerd] allora non sei un nerd” che mi ricordano scemenze che non sentivo più dai tempi del liceo simili a “se non porti gli anfibi in spiaggia non sei un vero metallaro” [semicit.].

Durante la carrellata di luoghi comuni sui nerd mi sono ritrovata a pensare quanti di questi cozzassero con la mia personale esperienza e quali vi aderissero alla perfezione. Ho pensato, facciamo un articoletto stile vero/falso come quelli che c’erano su “cioè” riguardo il sesso o quelli sulle riviste da leggiucchiare in spiaggia riguardo i rimedi contro il caldo.

Il nerd si accoppia solo con esemplari della sua specie. Falso. Conosco moltissime coppie dove lui il venerdì pomeriggio gioca a D&D mentre lei va a comprare un paio di scarpe nuove. Certo, nella maggior parte dei casi stanno entrambi seduti allo stesso tavolo con dadi e matite, ma rientra nel fatto che di solito se due stanno insieme hanno degli interessi in comune.

I nerd sono bravi nelle materie scientifiche Vero e spesso scelgono facoltà scientifiche. Falso. La prima parte è tautologica, in quanto la passione e le capacità per materie come matematica e fisica rientrano nella definizione di nerd. La seconda è falsa non tanto perché un nerd non prenderà mai ingegneria, ma perché, semplicemente, ricordo che quando mi immatricolai all’università la facoltà di storia stava per chiudere per mancanza di iscrizioni, quella di scienze non sapeva più dove mettere gli studenti. Il rapporto tra nerd laureati e nerd ingegneri e uguale a quello tra laureati e ingegneri.

Il nerd diventa maniacale nelle sue passioni Vero Altrimenti non si spiegherebbe perché le numerose special/variant edition vendano così tanto, perché ogni volta che esce un manuale riguardante Forgotten Realms lo compriamo, perché continuiamo a comprare le magic e perché tra un po’ anche mia madre sappia che “scudo contro l’infido ascendente” è totalmente sbilanciante per quante volte me l’abbia sentito dire.

Il nerd non riesce ad avere una relazione con una ragazza. Vero in parte. Chiariamo, vero  nella misura in cui se non si è stati fortunati con la genetica approcciare con l’altro sesso non è la cosa più semplice del mondo, soprattutto nell’età in cui il nerd si forma come tale: l’adolescenza. Non è che D&D è tanto peggio del calcio come hobby, e mi ricordo benissimo come alle mie compagne di classe e amiche in generale “classe armatura” e “fuorigioco” suscitassero lo stesso interesse (a me interessava più il primo), solo che il calciatore si faceva tre allenamenti a settimana da due ore ciascuno più novanta minuti di corse dietro ad una palla la domenica, cosa che porta ad avere un fisico più bello da guardare.  Per quanto mi riguarda, nerd o no, stabilire un rapporto di coppia non viene reso più difficile da questi nostri strani hobby.

Il nerd perde tempo dietro a giochi e fumetti e non pensa alle cose serie. Falso. Posto che arrivata a quasi trent’anni non ho ancora capito quali siano queste cose serie a cui debba pensare nel mio tempo libero dedicato al divertimento ma vabbè. Vi potrei dire per l’ennesima volta come il gdr sia un’attività più intellettuale di tante altre che invece non sono viste “da bambini” eccetera eccetera eccetera. Il discorso lo conosco io e lo conoscete voi.

Come sempre fatemi sapere le vostre opinioni  (e se ho dimenticato qualche luogo comune)

Annunci

2 pensieri su “C’era una volta il nerd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...