Ancora sui background (un’aggiunta volante)

L’ultimo post delle Cronache del gatto sul fuoco, mi ha fatto venire in mente che abbiamo sì parlato già tanto sui background e su come evitare di inviare l’equivalente in pagine (e solo in pagine) de “Il Signore degli Anelli” al povero narratore di turno, tuttavia non abbiamo scritto cosa il nostro amato master si aspetta di trovare.

O meglio, l’ottimo post di Vodacce indica molto bene come scrivere un BG che contenga tutto quel che serve senza infarcirlo di informazioni, nella migliore delle ipotesi, superflue. Il post però parla genericamente di background, senza entrare nello specifico di una o più ambientazioni, mentre in alcuni casi a tutto ciò che potete leggere di là vanno aggiunte altre.

Una di queste è Vampire the Masquerade, gioco che nel tempo mi ha creato i maggiori problemi ma che non riesco a far a meno di adorare (sui motivi ne ho parlato spesso e non vi tedierò ulteriormente in questo post). Sto pensando al mio prossimo background per questo gioco e, memore di come mi siano giunti BG lunghissimi ma privi di ciò che mi serviva davvero sapere per far inserire bene il PG nella cronaca ho scritto queste due righe.

Fondamentalmente, a ciò che è indicato nell’altro post, vanno aggiunte le risposte a queste domande:

  • chi vi ha abbracciato?
  • perché vi ha abbracciato?
  • perché sei rimasto/ hai abbandonato la setta del tuo sire?

oltre a tutte le domande che sono a pagina 107 del manuale base.

Rispondendo a tutte queste domande arrivate alla pagina di BG (una e mezza via) e create un personaggio con una storia corposa e senza inutili orpelli che rischiano solo di far distrarre il vostro narratore.

Chiudo qui questo inutile post, ma visto che l’argomento BG interessa e VtM mi piace assai (e mi ha procurato più discussioni di qualsiasi altro gioco, anche sul BG)…

Annunci

4 pensieri su “Ancora sui background (un’aggiunta volante)

  1. l’aspetto difficile di vampiri è che a seconda dei vampiri giocanti e della loro anzianità cambia completamente l’impostazione dell’avventura e quindi anche il background. se prendiamo la classica cronaca cittadina che è la campagna più diffusa di vampiri punterei molto sulla creazione da parte dei giocatori dei png, amichevoli (forse) e antagonisti (forse), creando una specie di rete “sociale” fra loro

    Mi piace

    • Il bg di vampiri…..EHHH sò problemi.
      Si, come ho già replicato nel post da cui hai preso il via per questo, io sono una di quelle disgraziate che scrive Bg lunghissimi.
      Perchè mi diverte da morire. In vampiri poi…lasciamo stare và.
      Come detto di la, per me scrivere la storia è proprio vedere la nascita del Pg, mentre fare solo un mero elenco mi ucciderebbe la creatività e mi renderebbe il pg meno “mio” e più piatto.
      Certo, che poi DOPO si vada “facendo un riassunto” o proprio rispondendo alle domande va benissimo, non pretendo la lettura forzata, ma SOLO questi punti mi sarebbe impossibile :p

      Tornando in tema meno”personale”, Vampire è particolare,come detto, proprio per l’anzianità del pg ce si va a creare, per la voglia di “infilarsi” in temi storici/in contesti sociali particolari e spesso molto diversi da quello attuale (bastano 60 anni di storia per vedere il cambiamento,e in vampiri fino ai 100 sei “Neonato”,quindi…)
      Sulla creazione di una rete di contatti personali (dove li ho conosciuti, come posso ricattarli…eccecc) ci può stare, ma solo con i dovuti Background ingame. Per il resto non avrebbe senso dire “conosco benissimo tutta la giunta comunale perchè metà era alle superiori con me e l’altra metà faceva allenamento di calcetto all’oratorio”…Si, interessante, ma con “Contatti politica / Burocrazia” a 0, li conosci ma non ti si filano manco per sbaglio..
      In questo caso, dando per scontato che nessuno vive da solo, per quanto riguarda proprio il “conoscere gente” (vampiri o no), a mio avviso dovrebbero essere i Narratori a dare uno spunto sulle conoscenze DOPO aver saputo più o meno come i giocatori intendono caratterizzare i propri pg. (permettendogli o meno di interferire nella generazione dei Png in questione).
      Esempio banale: il pg è un Brujah. Classico e stereotipato. Metallaro,capellone;vestito con chiodo,jeans, anfibioni e catene. Pesta i barboni/zingari per passatempo.
      Potrebbe avere una cerchia di amici-nemici che tiene in pugno per il terrore di prenderle. Qualche contatto in qualche band locale. Può avere aiutato un poliziotto X contro un paio di zingari particolarmente stronzi e ora lui è molto bendisposto nei suoi confronti (e dall’altra parte potrebbe pure trovarsi un paio di Ravnos dietro la porta pronti a fargli vedere la sua baracca in fiamme)
      Sempre stereotipo, ma credo che aiuti il narratore a co-creare un po’ di storia e imprevisti da tirare fuori al momento opportuno (vedi i ravnos di cui sopra ghghgh)

      Mi piace

      • se dovessi masterizzare vampiri, probabilmente metterei come obbligo che x punti di creazione del pg siano spesi proprio in punti background, con master e giocatori che dovranno collaborare per creare dei png interessanti. io personalmente lascio molta libertà ai giocatori in questo senso, lasciandomi comunque il diritto di veto finale.

        Mi piace

  2. Rispondo ad entrambi va 🙂

    Per quanto preferisca ricevere un BG quasi in forma di elenco puntato non cestino quelli romanzati, a patto che mi diano le informazioni necessarie e che gli arricchimenti siano utili alla cronaca. Banalmente, dire di avere un PG con i capelli rossi o con gli occhi di colore diverso in genere è una caratteristica che dà colore ma non aggiunge nulla, se invece siamo in un periodo storico / zona geografica ad alto tasso di superstizione, la cosa cambia. Per dire che avete rovinato un affare al primogenito ventrue potete usare una frase o mezza pagina, non vi odierò per aver romanzato, ma preferisco la sintesi.

    Confesso anche che parte del mio astio per i BG-romanzo son dovuti al fatto che molti di quelli che li scrivono son convinti di essere Umberto Eco quando dovrebbero rifare la terza media o son convinti di aver avuto un’idea originalissima quando originale non era.

    Se mi mandi dieci pagine, ma in quelle dieci pagine c’è il potenziale per sei quest e venti possibili PNG posso quasi arrivare a ringraziarti: hai fatto parte del mio lavoro.

    Per la spesa dei punti liberi, di solito non metto vincoli di sorta se non per limitare generazione e/o anzianità, capiranno da soli come non sia una scelta appagante spendere i propri punti liberi in discipline 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...