Un post serio

Vediamo di non farci fraintendere.

Ho sempre avuto uno strano rapporto col mio peso forma, e per strano intendo che  potevo passare dalla 40 alla 46 senza problemi. E viceversa. Adesso sono un po’ più stabile e, forse complice l’età, non mi faccio troppi problemi per le mie cicce, mi accetto un po’ di più (nessuna donna credo si accetterà mai del tutto). Chiariamo, non ho mai avuto disturbi dell’alimentazione, che sono una cosa molto più seria, ma spesso mi è capitato di rinunciare a mettere un abito perché accentuava troppo i fianchi.

Dicevo, a trent’anni suonati sono consapevole che la mia costituzione non mi permette di essere magrissima se non per brevi periodi, possibilità svanita superata la pubertà. Sempre a trent’anni suonati sono arrivata anche alla consapevolezza che ci sono diverse tipologie di corpo e che ci sono abiti più adatti a donne esili e abiti che vestono meglio donne formose. Se è vero che al momento gli abiti che richiedono fianchi stretti non mi stanno benissimo, riempio però le scollature che quando portavo la 40 restavano vuote.

Un paio di giorni fa uno dei miei amici su Facebook posta un immagine di Bettie Page con una didascalia che diceva più o meno che quella che qualche decennio fa era un’icona sexy ora sarebbe additata come cicciona (che poi quella nella foto non fosse Bettie Page è un’altra storia). E da lì mi è nata una riflessione che si può sintetizzare in “no nessun maschio eterosessuale oggi additerebbe Bettie Page come cicciona, perché formosa e grassa vogliono dire due cose diverse”. La versione lunga della riflessione oltre il cut (stavolta nessun riferimento al gdr)

pin-up-9[1]

Iniziamo con un po’ di numeri. Bettie Page era alta 1,65m e pesava 58 Kg, è innegabile che siamo fuori dalle misure della modella tipo di oggi ma  aveva comunque un vitino da 60cm. Un giro seno di 90cm e un giro fianchi di poco più grande ne facevano una ragazza formosa ma magra. Sempre per dare un po’ di numeri il suo indice di massa corporea era di 21.30, non era certo sovrappeso (1)(2).

Portate pazienza, arriveremo al punto.

Bettie Page, signori e signore, era una ragazza magra, formosa ma magra.

Se è indubbio che negli ultimi anni si sta dando attenzione al problema delle ragazze ossessionate dall’eccessiva magrezza, e ciò e un bene, il problema del sovrappeso viene visto come un falso problema. Magari è solo una sensazione mia dovuta ad una serie di discussioni e ad alcune conoscenti un po’ troppo entusiaste dei loro chili in più (3), mi si risponde che “grasso è bello”. Sembra che si abbia paura di dire che grasso sarà anche bello, ma non è sano, come se la paura di indurre le ragazze ad un’ossessione per la magrezza ci faccia fare l’errore opposto, quello di far ignorare loro che i chili in più sono appunto chili in più.

Le pin-up, donne che vengono sempre indicate come esempio di bellezza sana, non erano grasse, erano formose. Ognuna di noi ha una diversa forma, alcune sono più prosperose, altre più sottili, nessuna di noi si piacerà 365 giorni l’anno, ma cerchiamo di ricordarci di puntare ad un corpo sano, anche se siamo morbide come lo era Bettie Page.

(1) Si lo so, non è l’unico parametro di cui bisogna tener conto ma è quello più facilmente calcolabile

(2) Qui le linee guida del Ministero della Salute

Annunci

Un pensiero su “Un post serio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...