Supporti digitali

Durante il Play! mi è sorta una riflessione durante la conferenza con gli autori di #URBANHEROES, Le cronache di Populon, De Rerum Natura e Nameless Land sui giochi autoprodotti.(1)

Si è toccato, seppur in maniera marginale, il discorso sul formato elettronico, principalmente PDF, dei manuali e se fosse una buona idea renderli disponibili accanto alla distribuzione in cartaceo.

La risposta, estremamente sintetizzata, più o meno concorde è stata che sì, uscire anche in PDF è bene (2).

Il discorso poi è virato su quanto fosse in realtà scomodo consultare un manuale digitale, tant’è che spesso si finisce per stamparlo e rilegarlo comunque.

Non c’era tempo per approfondire il discorso, l’argomento dell’incontro era un altro in fondo, ma vorrei condividere con voi alcune riflessioni a riguardo e che conto prima o poi di sottoporre a degli autori alla prossima occasione utilie (quindi non Lucca).

Quello che secondo me è il principale problema del manuale digitale è che spesso ho la sensazione che non sia pensato per essere digitale. La sensazione che ho quando ho avuto a che fare con un manuale in PDF o in altri formati è che ci sia limitati a trasporre il cartaceo senza nessun aggiustamento. Sensazione che non si limita solo ai manuali GDR ma molte pubblicazioni, intendiamoci.

Al di là della mera lettura, l’uso principale di un manuale è al tavolo di gioco, per recuperare una tabella, controllare una regola o una statistica che il master/narratore/sceneggiatore/cartomante/quelchevolete di turno non ha appuntato eccetera eccetera eccetera.

Sfogliare un PDF alla ricerca di una di queste informazioni dovrebbe essere proibito dalla Convenzione di Ginevra, che ciò avvenga su un portatile o su un tablet. Inoltre leggere su uno schermo è molto più stancante di quanto non lo sia leggere su carta.

Un manuale digitale fatto bene, e non la mera riproduzione della versione cartacea, tuttavia potrebbe essere alla pari della versione cartacea se non addirittura superiore. Con una grafica e un’impaginazione studiata per lo schermo, sfruttando ipertesto e funzioni di ricerca potrebbe essere uno strumento comodo ed agile al tavolo da gioco. Magari abbandonando il formato PDF e fornendo un’app.

Mi rendo conto che vada affrontato necessariamente il discorso costi/benefici, analisi da cui le mie competenze sono ben lontane, ma forse, del 2016, potrebbe essere un discorso da non escludere a priori.

Ecco, la domanda che mi pento di non aver fatto (m’è venuta in mente dopo) e che vorrei fare ad un autore è questa: hai mai pensato ad un formato digitale per il manuale del tuo gioco con caratteristiche studiate proprio per il digitale? Se sì, cosa ti ha spinto a non realizzarlo o non realizzarlo? Ci penserai per le prossime edizioni?

(1) Per un articolo sulla conferenza confidate su qualcuno che ha preso appunti, 4 redattori su 8 presenti qualcosa dovremmo cicciare fuori. Spero. Forse. Non lo so. Tigella?

(2) Perdonatemi, sto andando a memoria e non ricordo i dettagli delle risposte.

Annunci

4 pensieri su “Supporti digitali

  1. Se posso dire la mia… il manuale in formato digitale è una manna quando si tratta di preparare avventure.
    Avere a disposizione tutti i manuali in formato digitale mi permette di controllare informazioni, copiare i dati che mi servono nei documenti che sto scrivendo e controllare questa o quest’altra regola.
    L’utilizzo dei PDF inoltre mi permette di aprirne istanze multiple e confrontare caratteristiche, combinare le regole nella sezione del combattimento con quelle relative a magia / abilità dei personaggi / regole situazionali / qualunque altra cosa, oppure tenere aperta la sezione di un mostro (avversario / png / quelcheè) e contemporaneamente andare a vedere la spiegazione di una delle sue abilità.
    Tentare di fare lo stesso con il manuale cartaceo è parecchio complesso, soprattutto se non si hanno a disposizione segnalibri.
    Certo, al tavolo da gioco il cartaceo è nettamente superiore… per il resto, preferisco il digitale.

    Mi piace

    • Ti dirò, il vantaggio del PDF (e un giorno capirò perchè ci siamo fissati con qesto formato) in fase di preparazione vale solo per alcuni giochi e in alcuni tipi di campagna e dipende molto dalla confidenza che abbiamo col gioco.

      Sono una sostenitrice del digitale, ma fatto bene. Non so quanto sia più comodo avere dieci file aperti in Acrobat Reader piuttosto che fare avanti e dietro su un cartonato.

      Penso però che sia più questione di abitudine che un’effettiva praticità d’uso.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...