I PNG del cuore

Ho ragionato un po’ su questo post perché volevo dare una panoramica dei PNG che meglio caratterizzati o più interessanti nelle varie ambientazioni, poi mi sono detta che era inutile ragionarci più di tanto perché un personaggio può rimanerci impresso per mille motivi, spesso magari solo per come ce l’ha mostrato il narratore di turno. Quindi ho rinunciato alla completezza, un post del genere sarà sempre e comunque incompleto, e all’obbiettività e ho deciso di nominare i primi PNG che mi venivano in mente. Mi spiace solo di lasciare fuori quelli che i vari master hanno inventato da soli di volta in volta perché purtroppo li abbiamo conosciuti solo noi giocatori attorno al tavolo da gioco, per quanto meravigliosi.

Bando alle ciance, questi sono i PNG che i narratori (o solo gli autori) mi hanno fatto amare:

Continua a leggere

Annunci

Doctor Capaldi

Sabato scorso la BBC ha trasmesso la prima puntata dell’ottava stagione di Doctor Who.

Ora se siete in pari con la visione della serie potete continuare a leggere altrimenti fermatevi qui che potrei rivelarvi qualcosa che non volete ancora sapere (non che ci siano spoiler nel vero senso della parola).

I pareri in rete sull’attesissima puntata, anche per il nuovo interprete del dottore, sono moltissimi e discordanti, la mia opinione è semplice: l’ho adorata.

Peter-Capaldi-in-The-Day-of-the-Doctor

 

Continua a leggere

On Stage! Questa sera si recita a soggetto.

Uno dei motivi per cui adoro il gioco di ruolo dal vivo è perché una delle mie prime esperienze è stata On Stage!.

On Stage! ha un regolamento cortissimo e flessibilissimo ed è sufficiente che lo conosca il Regista ( qui il master/narratore/arbitro si chiama così) ed è forse il gdr che più punta sull’interpretazione.

Il gioco propone di mettere il scena alcune opere celebri, come ad esempio “Romeo e Giulietta”, senza aver alcun copione. I giocatori/attori conoscono solamente gli scopi del proprio personaggio, le sue caratteristiche e le abilità. La scheda del personaggio può rientrare tranquillamente in un post-it.

La trasposizione dal vivo è immediata e può essere organizzata in pochi minuti.

Adoro questo gioco perché permette sia interpretazioni seriose, più fedeli alla storia originale o con maggior impegno nella recitazione, sia interpretazioni di leggere, che sfociano anche nella parodia.

E’ un modo un po’ diverso di giocare di ruolo rispetto ai titoli più diffusi ma ogni giocatore dovrebbe provarlo almeno una volta nella vita, inoltre credo che sia il titolo ideale per far provare il GDR a chi guarda con diffidenza i nostri manuali da cento e più pagine. La versione Vox Populi poi aiuta ancora di più a far provare o solo conoscere il GDR in quanto prevede anche un pubblico che interagisca con la scena.

Per saperne di più andate qui.

Boomstick Award

Ho vinto un premio! Si tratta del Boomstick Award!

Vi starete chiedendo cosa sia questo premio, in pratica è un modo che abbiamo noi blogger di dirci “bravo!” a vicenda. (1)

boomstickaward2014

Le regole del premio sono semplici:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore

2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione

3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto

A cui aggiungo una quarta regola, ché l’anno scorso me le hanno fatte girare:

4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite

And the winners are…

Continua a leggere

The dark world: pensavo fosse Asgard invece era un boh

Venerdì ho visto anche io l’atteso secondo film del nuovo filone Marvel dopo “Iron Man 3”: “Loki” ehm…”Thor: the dark world”.

Ora, diciamo subito che il film, tutto sommato, a me è piaciuto, anche perché non è che avessi tutte queste aspettative nei suoi confronti. Tre cose del film sono state superlative: Rene Russo, Anthony Hopkins e Tom Hiddleston.

Andiamo ora nei dettagli, ma vi avviso che potrebbero esserci spoiler.

Se ve lo state chiedendo, no, non è una recensione, sono un paio di pensieri sconnessi.

Continua a leggere

Rincoglioniti

Rincoglioniti.

Perché ogni tanto è bene ricordare che le persone peggiori di cui ho spesso parlato su questo blog sono statisticamente irrilevanti e che la percentuale di “problematici” è costante in qualsiasi gruppo di persone, siano essi i giocatori di ruolo o gli imbianchini.

Colgo l’occasione per segnalarvi anche il blog di Davide Mana, su cui è originariamente apparso questo post.

Strategie Evolutive